Project Description

Autori

Luciano Odorisio

Biografia

Luciano Odorisio nasce a Chieti. Giovanissimo, parte per Roma, dove si forma professionalmente, come Ghost writer per diversi sceneggiatori e aiuto-regista, debutta presto come regista nei documentari. Il suo primo lungometraggio, Educatore autorizzato (1980), vince il Premio Rizzoli come “Migliore Opera Prima 1980”, poi dirige Sciopèn (1982), con Michele Placido, Adalberto M. Merli, Giuliana De Sio al suo esordio, Anna Bonaiuto, Tino Schirinzi, Guido Celano, vincendo il Leone d’oro a Venezia come “Migliore opera prima o seconda”, il Primo Premio al Festival internazionale del cinema di San Sebastián, il Globo d’oro Stampa Estera, ed altri riconoscimenti internazionali, e una Maschera d’Argento a Tino Schirinzi come miglior attore non protagonista. Seguono poi Magic Moments con Stefania Sandrelli, che vede il debutto di Sergio Castellitto, Rodolfo Laganà, Paola Tiziana Cruciani, e La monaca di Monza, che ricostruisce la vera storia di suor Virginia de Leyva e che segna un altro debutto, Alessandro Gassmann. Ritrae di nuovo l’ambiente di provincia nel film Via Paradiso (1988), con Michele Placido e Ángela Molina e Guido Celano. Con “Ne parliamo lunedì”, Elena S. Ricci e Andrea Roncato, la protagonista vince il David di Donatello come migliore attrice dell’anno. Nel 2004 con Guardiani delle nuvole, (film con Alessandro Gassmann, Franco Nero, Anna Galiena, Claudia Gerini, Leo Gullo a, Sergio Assisi), vince il Cairo International Film Festival. Al cinema alterna la televisione con fiction di grande impatto emotivo come “Mio Figlio” con Lando Buzzanca e “Pupetta” con Manuela Arcuri, Tony Musante, Ben Gazzara, Luigi De Filippo. Il 2 febbraio 2016 gli viene conferita dall’Università di Chieti l’Ordine della Minerva per aver saputo raccontare la provincia italiana nelle sue contraddizioni e velleità, tenendo a mente la grande lezione di Pietro Germi e tratteggiando una galleria di personaggi che ricordano i beffardi ritratti di Gogol e Cechov. Il suo blog s’intitola “Note di Sciopèn”.

Libri di Luciano Odorisio

News su Luciano Odorisio

Share